Odontoiatria

L’odontoiatria è quella branca della medicina che si occupa della prevenzione, della diagnosi e della terapia medica e chirurgica delle patologie che colpiscono denti, gengive, ossa mascellari (mascellare superiore e inferiore o mandibola), articolazioni temporo-mandibolari (ATM), ghiandole salivari, tessuti neuro-muscolari e mucose orali.

Odontoiatria

Prevenzione, diagnosi, terapia medica e chirurgica.

Preservare

Conservativa ed endodonzia

L’odontoiatria conservativa è una branca dell’Odontoiatria che si occupa principalmente della cura della carie dentale. La sua finalità, come il nome stesso suggerisce, è quella di mantenere (conservare) in bocca i denti colpiti dalla carie, fratture ect, eliminando dapprima il tessuto cariato per poi ripristinare forma, funzione e, grazie alle moderne tecniche, anche l’estetica originale degli elementi dentari.
L’Endodonzia è la branca dell’Odontoiatria che invece si occupa delle patologie della polpa (“nervo”) dei denti.

 Se una carie o un trauma, arrivano ad esporre la polpa del dente, causano una pulpite (mal di denti), il dente può andare in necrosi (muore). 

I prodotti della decomposizione pulpare e i batteri che vi s’insediano, possono infiammare la parte di osso intorno alla radice stessa (“periapice”).

 Per salvare il dente si ricorre quindi all’endodonzia (“devitalizzazione”) e consiste nella detersione e strumentazione di ciascun canale attraverso strumenti dedicati e nella loro sagomatura, ciò per renderne possibile una completa otturazione con materiale sigillante

Ricostruire

Estetica: intarsi e faccette

Oggi i pazienti pretendono dal proprio dentista non solo un risultato funzionalmente perfetto del trattamento, ma anche e sempre più spesso anche un miglioramento del proprio aspetto. Denti bianchi, splendenti e regolari, sono attraenti e riconosciuti come un segno di vitalità e di benessere del corpo. Inoltre, un sorriso accattivante influenza in modo decisivo la fiducia in se stessi. Chi ha dei denti belli sorride più spesso e più volentieri di chi sa di avere dei denti brutti e preferisce nasconderli.
L’intarsio e’ una tecnica utilizzata nel campo dell’estetica dentale per l’otturazione dei denti e per la sostituzione di vecchie otturazioni in amalgama con un materiale più biocompatibile, duraturo e con una maggiore resa estetica.
In pratica è una ricostruzione realizzata per sostituire una parte di tessuto dentale perduto in seguito ad una carie o ad un evento traumatico. L’intarsio dentale viene inserito direttamente nella cavità che si è venuta a creare all’interno del dente, ricostruendone la sua forma originaria. Si utilizza nei molari e pre-molari.
L’intarsio dentale protegge il dente rendendolo più resistente, inoltre gli permette di recuperare la sua estetica e la funzione masticatoria.
Caratteristiche di un Intarsio dentale
L’intarsio dentale può essere realizzato con diversi materiali, tra cui la ceramica. La ceramica è il materiale più biocompatibile, più duraturo e più simile ad un dente naturale. Inoltre, a differenza dell’amalgama non da eventuali problemi di accumulo di mercurio nel corpo.
Prima dell’inserimento dell’intarsio dentale nella parte mancante del dente, quest’ultimo deve essere preparato: innanzitutto deve essere rimossa la parte danneggiata, poi il dente viene modellato in modo da avere una forma idonea ad accogliere la ricostruzione che verrà inserita in esso.
Successivamente verrà presa un’impronta sulla cui base verrà realizzato l’intarsio dentale in laboratorio. Come ultima operazione, l’intarsio dentale sarà incollato sul dente precedentemente preparato.

Lo Studio Peronace  utilizza un sistema computerizzato che permette la realizzazione di un intarsio dentale in ceramica molto preciso, in una sola seduta dal dentista.

Riabilitare

Protesi: fissa e mobile

  1. Le protesi dentali hanno il compito di riabilitare le funzioni orali dei pazienti affetti da edentulia (mancanza di denti) parziale o totale, mediante la sostituzione dei denti naturali con elementi dentari artificiali. Alcuni tipi di interventi protesici possono essere utilizzati per correggere anomalie funzionali oltre che estetiche di forma, colore o posizione dei denti naturali.
  2.  Si possono distinguere diverse tipologie di protesi dentali:
    protesi fissa: la protesi fissa sostituisce gli elementi dentari naturali con manufatti definitivi e stabili. Si tratta di faccette, corone (sostituti artificiali di un solo dente) e ponti (sostituiti di più elementi dentari) cementati a pilastri di sostegno naturali (denti contigui) e perciò non rimovibili dal paziente.
    protesi mobile: la protesi mobile è volta a sostituire una parte o l’intera arcata dentaria e può essere rimossa dal paziente allo scopo di eseguire le ordinarie manovre di igiene quotidiana.
  3. protesi combinata: la protesi combinata ripristina l’efficacia dell’arcata dentaria mediante il supporto di denti o impianti in titanio osteointegrati. La protesi è rimovibile ma fissata e resa stabile da dispositivi di ancoraggio che ne assicurano una funzionalità a lungo termine.
Questo tipo di dispositivo, fissandosi a perni artificiali, offre il vantaggio di non scaricare la propria forza masticatoria sui denti residui, minandone progressivamente la salute e la stabilità, come avviene nel caso della protesi parziale o scheletrato.
E’ possibile migliorare la stabilità delle protesi mobili con interventi mini-invasivi, effettuabili anche in pazienti molto anziani e/o con problemi fisici: in questi casi vengono utilizzate tecniche implantologiche a cielo chiuso, senza lembi, non traumatiche e mininvasive. Queste metodiche consentono di migliorare notevolmente la qualità di vita dei pazienti più anziani annullando gli stress psico-fisici da intervento.
  4. protesi fissa su impianti: la tecnica implantologica prevede la sostituzione di singoli elementi dentali o intere arcate dentarie mediante l’inserimento chirurgico di pilastri in titanio ai quali i denti vengono ancorati in modo definitivo. L’utilizzo di sostegni artificiali integrati nell’osso mandibolare o mascellare consente di preservare la salute dei denti ancora presenti (limati e ridotti nell’applicazione dei ponti) e garantire una completa stabilità. L’implantologia rappresenta oggi la migliore soluzione per una riabilitazione funzionale ed estetica della masticazione.

Ortodonzia

L’Ortodonzia, detta anche Ortognatodonzia, previene, diagnostica e tratta le malocclusioni che possono manifestarsi come anomalia di posizione e di sviluppo dei denti.

 Ciò può aversi sia nella mandibola, che nel mascellare superiore.

Principali obiettivi del trattamento ortodontico sono:
– una funzione masticatoria efficiente
– un corretto allineamento dei denti
– una buona estetica del sorriso e del viso

I fattori che causano le malocclusioni sono numerosi e associati, tra i più comuni:
– affollamento dentario
– i diastemi interdentali
– i denti soprannumerari
– le agenesie
– crescita parziale dei mascellari
– le sindromi malformative

Ortodonzia

Non solo estetica, ma anche una corretta funzione masticatoria

Eliminare il problema scheletrico

Ortopedica

Il trattamento ortopedico funzionale ha l’obiettivo di ridurre o di eliminare il problema scheletrico nel paziente in crescita in modo che, una volta erotti i denti permanenti, i problemi dentali che rimangono possano essere risolti più facilmente e brillantemente con una seconda fase di trattamento meno complicata. Quando esiste una discrepanza tra i mascellari, la soluzione ideale è correggerla modificando la crescita in età prepuberale (dai 7 anni in poi) in modo che tale problema scheletrico si risolva nel corso dello sviluppo del bambino.
Esplicano diverse azioni, quali il direzionamento dell’attività muscolare e il condizionamento dello sviluppo e crescita, ma non promuovono spostamenti dentali importanti: a questa età la maggior parte della dentizione del paziente è decidua quindi non avrebbe senso spostare denti che poi verranno sostituiti da altri!

Classica

Presentazione del sistema Invisalign.

Invisibile

Ogni funzione è progettata per rivelare il sorriso che ti meriti. È per questo che milioni di persone hanno trasformato le loro vite con i nostri allineatori rimovibili e quasi invisibili.

La tua vita scorre veloce. Ora il tuo sorriso può tenere il passo. Modificando gli allineatori Invisalign ogni settimana anziché ogni due settimane, puoi ottenere un sorriso migliore in appena 3 mesi. Questo è fino al 50% più veloce di prima.

Perché non è solo il tuo sorriso che è pieno di potenziale.

Chirurgia

Per chirurgia orale si intende l’insieme delle terapie e dei trattamenti chirurgici effettuati all’interno del cavo orale.
Questo tipo di trattamenti consiste in operazioni di piccola entità che comportano però notevoli miglioramenti della salute dentale.
Oltre alla più conosciuta estrazione è infatti possibile effettuare innesti e rigenerazioni ossee e gengivali, migliorando considerevolmente la salute orale del paziente e preparando la struttura originaria per successivi trattamenti necessari come gli impianti dentali.

Chirurgia

Miglioramenti della salute dentale

Integrato nella struttura ossea

Implantologica

Quali sono i benefici della “chirurgia implantare”?
Gli impianti dentali appaiono e funzionano come denti naturali. Poichè gli impianti si integrano nella struttura ossea hanno il vantaggio, se paragonati a ponti o protesi totali (dentiere), di prevenire la perdita di tessuto osseo migliorando e mantenendo l’estetica nel tempo.
Gli impianti non necessitano del sacrificio di struttura dentale sana come avviene nel caso di corone e ponti poichè i denti adiacenti gli impianti non sono coinvolti nella riabilitazione protesica. Gli impianti dentali permettono di migliorare la qualità della vita e rendono confortevoli le relazioni sociali. Gli impianti dentali rappresentato lo “Stato dell’Arte” nella riabilitazione delle creste edentule ed il loro successo è estremamente alto, predicibile e duraturo nel tempo.
L’estetica e la percezione di un impianto dentale è cosi naturale che i pazienti non ricordano di aver perso un dente nella zona dove l’impianto è inserito. Non è possibile sapere oggi quanto un impianto dentale possa durare ma è verosimile pensare che potenzialmente gli impianti inseriti dal parodontologo e sotto diligente mantenimento, possano durare un’intera vita.
Se più impianti sono inseriti, e se presentano un’adeguata stabilità primaria dopo il posizionamento, possono essere protesizzati immediatamente sia con una corona definitiva sia con un restauro provvisorio. La scelta tra provvisorio o definitivo è tipicamente basata sulle esigenze estetiche del paziente, sulla complessità del caso clinico e sui contorni dei tessuti molli esistenti o sulla forma dei tessuti che si vuole ottenere.

Estrattiva

Questa branca dell’odontoiatria si occupa dell’estrazione di denti ormai non più recuperabili ( a causa di carie destruente, parodontite avanzata, frattura verticale ) o da estrarre per altri motivi ( casi ortodontici, processi infiammatori a carico dei denti del giudizio )
L’estrazione dentale può essere un intervento più o meno complicato a seconda di alcuni fattori come ad esempio la posizione del dente ( dente inclinato, semincluso, incluso ecc…) o l’età del paziente (nei pazienti giovani risulta più semplice).
In genere l’estrazione di un dente del giudizio completamente fuoriuscito è abbastanza semplice e di solito non richiede accorgimenti particolari se non l’utilizzo dell’anestesia locale e di un adeguato analgesico. Il decorso dopo un intervento di routine è in genere rapido.

Parodontale

Rigenerativa

Indolore

Sotto sedazione

L’odontofobia o paura del dentista è un problema più diffuso di quanto si possa immaginare, che contribuisce ad allontanare molte persone dallo studio dentistico; molti pazienti, infatti, evitano o rimandano il più possibile le necessarie cure odontoiatriche e visite di controllo periodiche e in tal modo finiscono per peggiorare le conseguenze legate a una scarsa o errata igiene dentale, aggravando patologie del cavo orale come la piorrea; questi pazienti si privano inoltre dell’opportunità di ricevere le cure dell’estetica dentale, che potrebbe migliorare il loro aspetto tramite sbiancamento dentale, applicazione di Invisalign e ceramiche dentali; oppure rinunciano a tutti i vantaggi funzionali ed estetici offerti dalla moderna implantologia dentale, le cui conquiste si stanno estendendo grazie alle tecniche di implantologia mininvasiva e a carico immediato.

Oggi però gli studi medico-dentistici si avvalgono di diverse tecniche di sedazione (tra cui si distingue in particolare la sedazione cosciente o ansiolisi), che vanno ad affiancare la semplice anestesia dentale (necessaria per desensibilizzare la zona interessata al trattamento, in modo che il paziente non provi dolore mentre si trova sotto i ferri del dentista) al fine di calmare i pazienti più sensibili e persuadere anche gli odontofobici a varcare il tanto temuto ingresso dello studio dentistico.

Chirurgia computerizzata

Guidata da TAC

La chirurgia guidata computerizzata, grazie all’ausilio di modernissimi e sempre più evoluti software dedicati, consente al chirurgo di pianificare attraverso il computer, passo dopo passo, ogni fase del trattamento chirurgico implantare, a partire da una adeguata TAC dentale.
Consente, inoltre, di disporre di un sistema di trasferimento precisissimo di tale chirurgia virtuale in una atraumatica e microinvasiva chirurgia reale.
Come funziona esattamente?
Una volta eseguita la TAC 3D della zona dentale da trattare, quest’ultima viene importata in un evolutissimo software di elaborazione bi/tridimensionale delle strutture anatomiche che consente di effettuare un intervento virtuale simulato al computer, pianificando al decimo di millimetro il posizionamento degli impianti e delle sovrastrutture protesiche.
Questa simulazione consente quindi di realizzare in ogni dettaglio un intervento virtuale evitando le aree a rischio chirurgico, rispettando assi e inclinazioni ottimali in base alla quantità e qualità di osso disponibile, ed infine, collocando virtualmente i denti come previsto dal piano iniziale di intervento. Tutto questo può essere rivisto infinite volte fino al raggiungimento del risultato voluto.

Maxillo facciale

Pedodonzia

La pedodonzia o odontoiatria pediatrica è il settore dell’odontoiatria che cura i denti dei più piccoli. L’attenzione è rivolta alla prevenzione delle lesioni cariose da parte dell’igienista dentale o dell’odontoiatra (suggerimento di dieta corretta, applicazioni di fluoro, sigillatura dei solchi, educazione all’igiene orale, individuazione di disgnazie precoci) ed alla ricerca della collaborazione dei piccoli pazienti.
 La pedodonzia si rivolge ai bambini in età evolutiva, cioè fra i 2 ed i 15 anni, salvaguardando la salute della bocca e dello sviluppo dei denti a partire dai decidui, i così detti denti da latte, che hanno l’importante ruolo di preparare lo spazio per la crescita dei denti permanenti in arrivo.
Ciò che differenzia principalmente il trattamento sul paziente adulto rispetto alla pedodonzia è l’approccio psicologico del dentista di fiducia. 
Con i più piccoli infatti è fondamentale un dialogo a tre, dentista-genitori-bambino, che aiuti il piccolo a sentirsi a suo agio e a non sviluppare la classica “paura del dentista”.
 Lo Studio Peronace è particolarmente attento al rapporto che si instaura con i più piccoli, ricercando una vera e propria sintonia con il bambino, dedicandogli tempo, attenzione e momenti giocosi, per aiutarlo a non temere il dolore, conquistando la sua fiducia e la sua collaborazione.

Pedodonzia

Rivolta ai bambini in età evolutiva.

Istruire

Educazione all’igiene orale

Un altro passo fondamentale della pedodonzia è istruire il bambino sulla propria igiene orale, e quindi ricordare ai più piccoli l’importanza non solo di lavarsi i denti dopo ogni pasto, ma anche di “come” lavarseli spiegando le giuste tecniche di spazzolamento per evitare la formazione di placca e carie.

Prevenzione e terapia

Odontoiatria infantile

Si occupa di prevenzione e terapia odontoiatrica dai primi anni di vita all’adolescenza. Suo ruolo primario è la prevenzione di ogni patologia della bocca in età evolutiva in stretta collaborazione con i colleghi che si occupano della salute del bambino. Il dialogo è fondamentale con il pediatra, l’otorino, il fisiatra, lo psicologo e ogni altro professionista che segue eventuali patologie proprie del bambino, perché lo sforzo comune dà migliori risultati. Quando si curano i bambini bisogna farlo insieme e il più presto possibile: la prima visita è utile verso i due anni, come da linee guida europee e internazionali.
 A due anni tutti i problemi sono piccoli (carie dentali e malocclusioni), ma soprattutto il bambino guarisce velocemente e riprende una crescita sana che lo accompagnerà tutta la vita. Lo Studio Peronace crede che l’ambiente giusto sia di fondamentale importanza per il bambino.

Sviluppo sano e armonico della bocca

Ortodonzia infantile

La salute dentale dei bambini è estremamente importante e la responsabilità del suo stato ottimale è nelle mani dei genitori, che affidandosi alle mani esperte di esperti del settore devono occuparsene per garantire al proprio figlio una crescita sana e controllata.
 Durante il periodo dell’infanzia e i primi anni di vita si può individuare un’eventuale crescita anomala delle basi ossee, che se riscontrata per tempo consente di provvedere con un trattamento ortodontico ad uno sviluppo sano e armonico della bocca e dei denti. Le moderne tecnologie dell’ortodonzia bambini consentono inoltre, come per gli adulti, di applicare anche apparecchi invisibili, grazie ai materiali di ultima generazione, praticamente trasparenti.
 In assenza di particolari problematici gli apparecchi possono essere consigliati, lì dove risultassero necessari, intorno all’età di 9-12 anni, a seconda delle diverse situazioni cliniche di ciascun bambino.

Sedazione cosciente

Igiene

Prevenire, mantenere, migliorare o ridonare la salute orale è lo scopo cui tende giornalmente l’igienista.
Per i pazienti in età scolare una forma di prevenzione della carie occlusale è la sigillatura dei primi e secondi molari permanenti.
Altra funzione dell’igienista è il trattamento del bambino o dell’adulto ortodontico che viene educato alle manovre di igiene più utili al tipo di dispositivo ortodontico che ha inserito ed è monitorato, trimestralmente o quadrimestralmente, in relazione alle capacità igieniche che ha acquisito.
Nel corso della seduta l’igienista rimuove i fili ortodontici, pulisce e lucida i denti, rinforza la motivazione, se necessario, ed applica topicamente il fluoro.
Nei pazienti portatori di protesi fisse, rimovibili o amovibili-rimovibili, l’educazione ad una buona igiene orale quotidiana domiciliare e all’igiene periodica in studio equivale a mantenere in salute le strutture di sostegno dei denti naturali o degli impianti sui quali è alloggiata la protesi; anche in questo caso la personalizzazione delle manovre igieniche, comprese quelle sulle protesi rimovibili, gioca un ruolo fondamentale nel raggiungimento dello scopo.
Infine, ma non meno importante, il trattamento cosmetico rappresentato dallo sbiancamento dei denti, che può rendere ancora più bello il sorriso. Sia le tecniche domiciliari che in studio sono valide e la scelta generalmente viene fatta in base alle esigenze del paziente stesso. Con la tecnica domiciliare il risultato si ottiene dopo 15-20 giorni, con quella in studio si ottiene immediatamente.

Igiene

Prevenire, mantenere, migliorare o ridonare la salute orale.

Rimuovere.

Detartrasi e curettage

L’ablazione del tartaro (detta anche detartrasi) è un trattamento specifico che consiste nel rimuovere il deposito di tartaro formatosi sui denti. Il tartaro di solito si annida negli spazi interdentali e sul bordo gengivale e se non viene rimosso, nel tempo, può provocare malattie orali anche gravi.

Denti bianchi.

Sbiancamento professionale

Esistono diverse procedure per far ritornare i denti bianchi, da svolgersi nello studio dentistico .
L’utilizzo del perossido di idrogeno o del perossido di carbamide in diverse percentuali.
Nel caso del trattamento alla poltrona queste sostanze possono essere attivate tramite luce alogena, LED, laser o metodo termocatalitico per accelerare il processo di sbiancamento dentale.

Prevenzione – Applicazione di fluoro

La fluoroprofilassi consiste nella prevenzione della carie dentaria attraverso l’utilizzo del fluoro, un minerale che favorisce la formazione di uno smalto più resistente all’attacco acido della placca batterica e che, se assunto una volta che il dente si è formato, lo protegge dalla placca batterica.
ll fluoro previene la formazione di cavità cariose favorendo la remineralizzazione dello smalto.